Regioni
Prenota
Lingua
IT

I magnifici sette… itinerari in bicicletta nel Salisburghese

Ecco i migliori percorsi in bicicletta, lungo le ben segnalate piste ciclabili del Salisburghese: un sogno per gli amanti del cicloturismo

Dalle montagne degli Alti Tauri ai laghi del Salzkammergut, il meraviglioso paesaggio salisburghese è attraversato da una fitta rete di percorsi ciclistici che si snodano per centinaia di chilometri. Alcuni partono dal Salisburghese e si spingono fino in Baviera, in Italia e persino in Slovenia. Vi presentiamo di seguito i sette itinerari di cicloturismo più belli e più lunghi della nostra regione.

 “Tauernradweg” – La ciclabile dei Tauri

Dai ghiacciai del Parco Nazionale Alti Tauri ai palazzi barocchi di Salisburgo, la ciclabile dei Tauri è un viaggio dalla natura alla civiltà, attraverso tutto il Salisburghese. Quasi senza salite e adatta anche ai ragazzi, questo classico percorso cicloturistico segue il corso del Salzach, il “fiume del sale”, fino alla sua confluenza nell’Inn e quindi lungo quest’ultimo fino a Passau, sul Danubio. In alternativa da Salisburgo per Bad Reichenhall si raggiunge il fiume Saalach e lo si risale con un percorso ad anello che si chiude a Zell am See. Tre imponenti salti d’acqua, per un totale di 380 m, segnano il punto di partenza: sono le cascate di Krimml, fra le più alte d’Europa. Ma i deliziosi paesi che si attraversano riservano altre sorprese come gli orridi Kitzlochklamm e Liechtensteinklamm, o la fortezza di Hohenwerfen, dove furono girate varie scene del famoso film “Dove osano le aquile”. Da qui in bus e per una ripida funivia si sale all’Eisriesenwelt, un vasto complesso di grotte invase da sorprendenti e suggestive colate di ghiaccio. Più a valle meritano una visita le miniere di sale del Dürrnberg, già sfruttate dai Celti, a cui è dedicato un museo nel centro di Hallein. Prima di Salisburgo, una breve deviazione porta alla residenza di Hellbrunn, famosa per i giochi d’acqua con cui nel Settecento il principe vescovo sorprendeva i suoi ospiti.

Lunghezza: 270 km (anello Tauernradweg) oppure 310 km (da Krimml a Passau)
Dislivello: 600 m (anello Tauernradweg) oppure 750 m (da Krimml a Passau)

“Mozart-Radweg” – La ciclabile di Mozart

La ciclabile di Mozart è un itinerario ad anello che segue i luoghi legati alla vita del grande compositore nato a Salisburgo il 27 gennaio 1756, e si snoda fra Salisburgo e Rosenheim, fra i fiumi Salzach e Inn, toccando i laghi bavaresi del Chiemgau e quelli austriaci del Salisburghese. Si tratta di un percorso che richiede un buon allenamento, soprattutto nel tratto alpino che serpeggia con salite impegnative fra paesini, fattorie, boschi silenziosi e pascoli. A Lofer troviamo le tracce di Mozart all’hotel “Zur Post” dove il giovane Wolfgang Amadeus fece tappa nel 1769, sulla via per l’Italia. Da Salisburgo, il percorso compie una puntata a est tra i laghi del Salzkammergut spingendosi fino a St. Gilgen, sul lago Wolfgangsee, dove nacque la madre di Mozart.

Lunghezza: 450 km
Dislivello: 2.000 m
www.mozartradweg.com 

Ciclovia Alpe Adria Radweg – CAAR

Da Salisburgo alle spiagge di Grado, la Ciclovia Alpe Adria valica le Alpi e raggiunge l’Adriatico in circa sette giorni. Un ciclotrekking impegnativo ma spettacolare, che nel 2015 è stato dichiarato “Itinerario cicloturistico dell’anno”. Da Salisburgo si parte seguendo a ritroso la ciclabile dei Tauri lungo il fiume Salzach prima di affrontare la salita per la valle di Gastein, famosa per i suoi centri termali. Con il treno navetta dei Tauri, da Böckstein a Mallnitz, si entra in Carinzia toccando Spittal, Villach e il valico di Tarvisio. Da qui si pedala sulla vecchia linea ferroviaria dismessa, puntando verso Venzone, Udine, Palmanova, Aquileia e infine Grado, sul mare Adriatico. Salisburgo è il punto di partenza ideale: percorrere la ciclovia da sud a nord comporta un maggior dislivello e salite più faticose.

Lunghezza: 410 km
Dislivello: 2400 m
www.alpe-adria-radweg.com

“Ennsradweg” – Ciclabile dell’Enns

La pista ciclabile che segue il fiume Enns attraversa il Salisburghese, la Stiria e l’Alta Austria fra castelli, cittadine storiche e meraviglie della natura come il parco nazionale della gola “Gesäuse”. Il percorso, quasi sempre in discesa, parte dal rifugio Gasthofalm (1.200 m) presso Flachau, e scende lungo il fiume toccando due antiche cittadine: Radstadt, ancora cinta da mura medievali, e Schladming, antico centro minerario. Si passa fra le belle montagne del Dachstein e del Grimming, fra antichi castelli e monasteri, prima di attraversare la stretta gola “Gesäuse”. Più avanti, sempre lungo l’Enns, si attraversano paesi antichi e suggestivi come Altenmarkt, Weyer e infine Steyr ed Enns, a pochi chilometri dalla confluenza nel Danubio.

Lunghezza: 258 km
Dislivello: 780 m

“Salzkammergut Radweg” – Ciclabile del Salzkammergut

Forse la più bella fra le ciclabili d’Europa, la “Salzkammergutradweg” regala paesaggi diversi per ognuno dei 13 laghi che tocca, muovendosi fra le dolci Prealpi Salisburghesi, la Stiria e l’Alta Austria. La presenza di varie salite lo rende consigliabile a cicloturisti ben allenati. Da Salisburgo, sul tracciato della vecchia linea ferroviaria per Bad Ischl, si raggiunge il pittoresco paese di St. Gilgen sul lago Wolfgangsee. Si prosegue quindi per Bad Ischl, dove l’imperatore Francesco Giuseppe aveva una delle sue residenze preferite. Giunti ad Hallstatt, splendido paese aggrappato alla sponda del lago omonimo, è d’obbligo salire in funicolare alle antichissime miniere di sale con un panorama spettacolare sulla zona del lago, patrimonio Unesco. Si prosegue in salita (o in treno) per Bad Aussee e quindi in bici per l’incantevole lago alpino di Altaussee e l’alpe Blaa Alm (894 m), dove inizia una lunga e magnifica discesa nella natura che riporta a Bad Ischl. La via del ritorno verso Salisburgo costeggia le rive di altri splendidi laghi: Traunsee, Attersee (dove ogni anno per un giorno le strade intorno al lago vengono chiuse al traffico a motore e riservate a ciclisti e pattinatori – www.attersee.at), Mondsee, Irrsee, Mattsee, Grabensee e Obertrumer See.

Lunghezza: 345 km
Dislivello: ca. 1850 m
www.salzkammergutradweg.com

“Murradweg” – Ciclabile della Mur

La ciclabile “Murradweg” inizia all’ombra degli Alti Tauri e attraversa tutta la Stiria e il suo capoluogo, Graz, seguendo il ritmo tranquillo del fiume Mur fino al confine con la Slovenia. La prima parte ha il sapore forte delle montagne e l’aria fresca del bosco. Il punto di partenza è il rifugio Stickler (1.752 m), da dove in un’ora di cammino si raggiungono le sorgenti della Mur. Ma la gran parte dei cicloturisti preferisce evitare la salita e partire da Muhr per pedalare in scioltezza, godendosi il delizioso paesaggio del Lungau costellato da antichi castelli e paesi suggestivi come St. Michael e Tamsweg. In Stiria , il percorso tocca la cittadina medievale di Murau, Judenburg, Zeltweg (con l’ex circuito di Formula 1), Leoben e Bruck an der Mur da dove il paesaggio si fa dolce e ondulato. Dal centro storico di Graz, Patrimonio Mondiale UNESCO, si prosegue attraverso i colli dei vini stiriani per la stazione termale di Bad Radkersburg, e da qui oltre il confine austriaco, fino in Slovenia.

Lunghezza: 345 km (fino a Bad Radkersburg)
Dislivello: 910 m (da Muhr)

“Salz & Seen Tour” – Giro del sale e dei laghi

Questo facile e incantevole itinerario è adatto anche ai bambini, e si può comodamente percorrere con biciclette elettriche, grazie a una buona rete di punti noleggio e ricarica batterie. Il percorso parte da Salisburgo e si suddivide in due anelli: l’anello nord è lungo 101 km e tocca i 4 laghi prealpini del distretto del Flachgau, adagiati in un dolce paesaggio di colli, boschi e fattorie. Passando per i paesi di Schleedorf, Mattsee e Lamprechtshausen, si raggiunge Oberndorf, sul fiume Salzach, dove nacque il canto natalizio “Stille Nacht” (Astro del ciel). Ritornati a Salisburgo, si affronta l’anello sud (61 km) che risale il fiume, raggiunge Hallein con le famose miniere di sale e il museo dei Celti, e si spinge fino a Golling. Da non perdere: la facile deviazione nell’idillica valle Bluntautal. Da Golling si ritorna a Salisburgo passando per Puch e le terme di Bad Vigaun.

Lunghezza: 162 km
Dislivello: 620 m

Questo sito fa uso di cookie per facilitare l’utilizzo dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web, Lei dà il Suo consenso all’utilizzo dei cookie.  Leggi altro