Regioni
Prenota
Lingua
IT

Estate alla malga-vacanze in montagna fra baite e rifugi

Gli alpeggi salisburghesi sono luoghi speciali, oasi di pace nella natura alpina dove riscoprire i piaceri e i sapori essenziali della vita

Ci sono luoghi che hanno il dono di farci riscoprire le cose essenziali: aria fresca e pura, il calore di un fuoco, il gusto di un piatto semplice ma genuino, la meraviglia di una notte stellata e di un paesaggio alpino incontaminato. Le malghe del Salisburghese sono fra questi rari luoghi dove le vacanze in montagna sono una cura di benessere a base di “elementi essenziali”. Sono centinaia i rifugi di malga salisburghesi, in gran parte collegati dal favoloso Sentiero delle Malghe, e molti sono specializzati per soddisfare le esigenze di famiglie con bambini e neonati, mountain biker, artisti in cerca di natura e… escursionisti in vena di leggerezza…

Casa, ufficio, automobile… la nostra esistenza si svolge in gran parte in luoghi chiusi, con visuali troppo spesso limitate ai pochi centimetri che separano i nostri occhi dallo schermo del computer. Ecco perché abbiamo così bisogno di vacanze in montagna, in spazi aperti e liberi, dove lo sguardo può spingersi all’infinito, oltre i boschi e l’orizzonte delle cime più lontane. Dove aprendo le finestre non entrano lo smog e il rumore del traffico, ma il canto degli uccelli, il suono dei campanacci delle mucche al pascolo e il vento che sa di bosco. Spazi aperti e liberi nella natura… come le malghe del Salisburghese.

almsommer

Malghe con certificato “Estate alla Malga”

Nel Salisburghese sono ancora attive circa 1.800 malghe, con una densità d’alpeggio fra le più alte delle Alpi. 550 malghe fungono da rifugio alpino per gli escursionisti che qui trovano ristoro e spesso anche possibilità di pernottare nello stile tipico dell’antica tradizione alpina. I malghesi svolgono il loro antico lavoro, producono burro e formaggi con il latte fresco appena munto e rifocillano i loro ospiti con deliziose e genuine specialità di malga. Oltre 170 di questi rifugi hanno ottenuto il certificato di qualità “Almsommer” (Estate alla Malga) che garantisce l’autentica genuinità dei sapori e delle esperienze che la malga offre.

Con i bimbi alla malga

Che odore ha una mucca? E quanto è grande? Qual è l’albero dei mirtilli? Per molti bambini nati in città, l’alpeggio è un mondo nuovo e inesplorato, popolato da animali visti solo in televisione. Diverse malghe si sono attrezzate proprio per accogliere i bambini e far scoprire loro il mondo dell’alpe: le “Kinderalmen” offrono ai piccoli la possibilità di accarezzare caprette e conigli, di giocare in parchi giochi nella natura o vicino all’acqua. Le malghe delle carrozzine (“Kinderwagen-Almen”) si possono raggiungere facilmente anche con i neonati grazie a mulattiere dal fondo ben battuto, percorribili con i passeggini. Ma ci sono anche malghe dedicate a chi va in montagna in bicicletta (“Mountainbike-Almen”) e persino a chi cerca l’esperienza artistica e creativa in mezzo alla natura (“Kunst & Kultur-Almen”).

Sentieri di malga in malga

Da un alpeggio all’altro, nel Salisburghese si può camminare per intere settimane nutrendo l’anima di natura, panorami, profumi e bellezza, e viziando il palato con i sapori autentici della cucina montanara salisburghese… per esempio lungo il Sentiero delle Malghe “Almenweg”: 32 tappe per un totale di 350 km nel cuore alpino del Land, fra i massicci dell’Hochkönig, del Dachstein e degli Alti Tauri. Nella valle di Grossarl, la valle delle malghe, anche le famiglie con bambini piccoli possono percorrere in tre tappe giornaliere i facili sentieri del trekking “Alpenfloh”.

Trekking con famiglia ma senza bagagli

Quando si cammina con tutta la famiglia, lo zaino si appesantisce molto, soprattutto se si affrontano trekking di più giorni. Per fortuna, molte malghe salisburghesi si raggiungono facilmente in funivia. Ma per gli escursionisti che vogliono trascorrere vacanze in montagna all’insegna della leggerezza, il Salisburghese offre il servizio trasporto bagagli di tappa in tappa “Wandern ohne Gepäck” (camminare senza bagagli). Di giorno si cammina liberi e leggeri gustando l’ebbrezza delle vette, scoprendo incantevoli laghi alpini e scenari di maestosa bellezza. Di sera si arriva al rifugio pregustando un’ottima birra e un gustoso piatto di gnocchetti al formaggio, mentre il bagaglio è già stato recapitato nella cameretta di legno, accanto al letto. La zona turistica della valle Saalachtal, nel Pinzgau, propone diversi meravigliosi trekking con servizio trasporto bagagli.

Questo sito fa uso di cookie per facilitare l’utilizzo dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web, Lei dà il Suo consenso all’utilizzo dei cookie.  Leggi altro