Regioni
Prenota
Lingua
IT

Sport invernali in tutto il Salisburghese

Magiche attività invernali sul ghiaccio e sulla neve

Le piste da discesa da qui non si vedono nemmeno. Le montagne del Salisburghese risplendono nel bianco e l’unica traccia umana è quella lasciata dalle ciaspole e dagli sci da sci alpinismo. Questo è il percorso che porta nel cuore selvaggio dell’inverno salisburghese, tra le orme delle lepri e dei cervi in cerca di cibo. Un percorso che si ripete in migliaia di itinerari sci alpinistici e per escursionisti con le racchette da neve, dal Parco Nazionale Alti Tauri alle cime del Tennengau e del Salzkammergut. E il respiro corre insieme agli sci di fondo, in sintonia con la natura per ben 2.200 chilometri di anelli di fondo classici o da skating, dai dolci pianori del fondovalle all’audace anello di fondo sul ghiacciaio del Kitzsteinhorn. Ma come resistere alla tentazione di ritornare bambini e scendere con la slitta sulle tante piste da slittino del Salisburghese, magari di notte, sulle piste appositamente illuminate, o sull’infinita pista da slittino del Wildkogel, la più lunga del mondo

schneeschuhwandern

Sci alpinismo e ciaspole

Non si sentono più rumori diversi da quelli del vento, della montagna, della neve sotto le pelli di foca o le racchette da neve. La fatica della salita si trasforma in pura felicità quando si arriva insieme in vetta, con le proprie forze, soli a contatto diretto con la montagna e la natura del Salisburghese. E dalla cima per gli sci alpinisti comincia l’emozione della discesa in neve fresca, disegnando serpentine che sanno di assoluta libertà. Sui monti del Salisburghese si snodano infiniti, meravigliosi itinerari da gustare con racchette da neve o con gli sci da sci alpinismo. Dal Tennengebirge al Parco Nazionale degli Alti Tauri, dall’Hochkönig ai monti del Lungau, si trovano accoglienti rifugi, aperti anche per la stagione sci alpinistica, e naturalmente, esperte guide alpine per affrontare in sicurezza le ascensioni più impegnative.

Sci di fondo senza tempo

È una questione di ritmo e di sintonia fra sé stessi, la propria attrezzatura e l’incantevole ambiente del Salisburghese in veste invernale. Il respiro trova da sé il rapporto ideale con i movimenti alternati delle gambe e delle braccia. E il bello dello sci di fondo è che non ci sono quasi mai orari di chiusura: il tempo sembra fermarsi, impigliato nell’infinita rete di piste di fondo del Salisburghese che si estende per oltre 2.200 chilometri con piste classiche e skating. Certe piste sono illuminate anche di sera, e allora il tempo dello sci di fondo si dilata oltre il tramonto per regalare ai fondisti l’emozione misteriosa del bosco immerso nella notte invernale. Poi ci sono piste di fondo che si spingono in quota, come sul Rossbrand (1.700 m) a Filzmoos o come quella sul ghiacciaio del Kitzsteinhorn, a ben 2.900 metri di altitudine sopra Kaprun.  Altre ancora s’infilano curiose alla testata della valle, come a Hüttschlag, nella valle di Grossarl, ma quasi dovunque si trova sempre una trattoria o un rifugio dove scaldarsi anima e corpo con una buona tazza di vin brulé.

Due pattini per il ghiaccio o per lo slittino

Scendere con lo slittino per una pista appositamente battuta è un’esperienza che risveglia felicità antiche, perdute nel tempo dell’infanzia e dei sogni. E per chi ama rivivere queste emozioni il Salisburghese è una terra da sogno: le piste da slittino sono numerosissime e diffuse in tutto il land. Portare in quota la slitta è faticoso? Niente paura, sono moltissime le piste da slittino servite da moderne e comode funivie. Così ci si può dedicare senza pensieri al puro divertimento della discesa, per esempio sulla pista da slittino più lunga del mondo: lunga 14 chilometri, che scende dal monte Wildkogel per un dislivello infinito di ben 1.300 metri. Non è obbligatorio avere slittini da gara. Si possono usare anche slitte tradizionali o bob. Basta portare con sé la voglia di sentire il vento sulla faccia e di divertirsi sulla neve come bambini, magari insieme ai propri figli.
Velocità, eleganza, agilità… chi sa pattinare sul ghiaccio riesce a esprimere bene queste doti nei tanti campi da pattinaggio diffusi in tutto il Salisburghese, ma è sui laghi ghiacciati che il pattinaggio regala in più l’emozione di un paesaggio invernale incantevole. Quando si disegnano curve armoniose sulla superficie ghiacciata dei laghi Wolfgangsee, Wallersee, Fuschlsee, Goldeggersee o sul lago di Zell am See, a volte si riesce a sentire la propria anima danzare in coppia con lo spirito antico dell’inverno salisburghese.

Questo sito fa uso di cookie per facilitare l’utilizzo dei nostri servizi. Utilizzando il nostro sito web, Lei dà il Suo consenso all’utilizzo dei cookie.  Leggi altro